Your shopping cart is empty!

Barcellona deve sintonizzare il rumore

È allo stesso tempo sorprendente e alquanto ingiusto, la misura in cui il Barcellona sta calpestando il Camp Nou. Se eliminano il Manchester United dalla Champions League, sia con un gancio, un crook, un pareggio a reti inviolate o una festa di champagne di un calcio scintillante e ispirato, saranno circa tre buoni risultati dal loro terzo trofeo Treble.
 
Il loro avversario martedì è il Manchester United, ora guidato da Ole Gunnar Solskjaer, il loro mitico gol segnapunti nel 1999, in una data estremamente vicina al ventesimo anniversario di United, diventando l'unica squadra inglese ad unirsi a quella piccola , la leggendaria lista dei Treble vincitori è solo una delle piccole torsioni dell'umorismo del calcio.
 
Il fatto che il martedì inizi con il punteggio di 1-0 a Barcellona, ​​con Solskjaer sulla panchina del Camp Nou, col passare del tempo, come lo era quando 90 minuti erano contro il Bayern nel 1999, è un'altra svolta deliziosa. Ma gli Stati Uniti non sono gli unici rivali di Barcellona: anche la storia e il destino. Queste tre ipotetiche "buone prestazioni" che, a mio avviso, potrebbero vincere il Treble dovrebbero essere una grande, solida vittoria nell'andata della semifinale, una prestazione vincente nella finale UEFA del 1 giugno al Wanda Metropolitano di Madrid e, in mezzo, un display con abbastanza muscoli e talento per sconfiggere Valencia nella finale della Copa del Rey il prossimo mese.
 
Sono vicini al loro primo trofeo già. Il Barcellona può contare la vittoria in La Liga come se fosse proprio lì, il traguardo una mera formalità. Un lavoro attento e attento li porterà oltre quella linea e vinceranno il loro 26 ° campionato spagnolo.
 
Valencia, a mio parere, ha un XI iniziale, una squadra e un allenatore in grado di rovinare questo sogno di Blaugrana nella Copa del Rey. Perché mentre i catalani, attuali detentori del Copa e vincitori di quattro di fila, entreranno nella finale del Benito Villamarin il 25 maggio come favoriti, la squadra di Marcelino è piena di talento, ritmo e guerriero dispari. Potenzialmente, sono un gremlin nella macchina di Barcellona.
 
Tutto ciò significa che mentre ci sono ancora una gran quantità di ostacoli, a partire da Anthony Martial, Marcus Rashford, Paul Pogba & Co. martedì, i campioni di Spagna si trovano in una posizione allettante.
 
Il Treble deve consistere in un club che vince il suo campionato nazionale, la principale competizione in Coppa nazionale e la Champions League. Nessuna eccezione, nessun asterisco: questo è l'apice del calcio continentale.
 
Solo sette club l'hanno gestita. In ordine cronologico: Celtic, Ajax, PSV, Manchester United, Barcellona, ​​Inter Milan e Bayern Monaco. Solo Barca lo ha fatto due volte, il che significa che tre uomini - Sergio Busquets, Gerard Pique e Lionel Messi - stanno per diventare gli unici calciatori della storia a completare una tripletta di questo trio mitico e brutalmente difficile.
 
Quello che intendo quando dico che è tutto a un filo di coltello è questo: non ci vorrebbe molto per rovinare questa missione. Se Solskjaer dovesse fare un'altra vittoria contro le probabilità per eliminare il suo avversario del Camp Nou nonostante il traino di un gol, nonostante il fatto che tre giocatori della Barca abbiano già più Treble di chiunque altro che una manciata di loro stessi ex compagni di squadra, qualcosa di un freddo l'abbagliamento si trasformerà nell'era del Barca dal 2015.
 
È ingiusto, ma è vero. Il fatto che il Barcellona abbia giocato male in questa fase della Champions League in ciascuna delle ultime tre stagioni, perdendo gli ultimi tre quarti di finale di un margine complessivo di 10-6 e non riuscendo a segnare in quattro delle sei partite, ha lasciato una macchia sulla loro recente dominazione spagnola. È una macchia invisibile se sei il ragazzo che ha dovuto allenarli per ripetere le vittorie della Liga e del Copa. È invisibile anche a ragazzi come Messi, Ivan Rakitic, Pique, Busquets e Jordi Alba, giocatori che sanno esattamente quanto hanno dovuto lavorare per accumulare otto vittorie ai trofei da quando hanno sigillato il loro ultimo Treble quattro anni fa a Berlino.
 
Quanti club venderanno la loro anima per otto trofei in quattro anni? Il tuo club? Forse anche Man United in questo momento?
 
Trasforma quella stat sulla sua testa, e la maggior parte dei giocatori scambierà una testa piena di capelli e tutti i loro diritti di immagine se solo potessero vincere quattro trofei in otto anni. Ma per quei critici che ora hanno la mentalità che la grandezza sta solo nel vincere la Champions League o nel mantenere la "Coppa delle Orecchie Grandi" (come spesso viene soprannominata la Coppa Europa), la macchia di Barcellona è più indelebile che invisibile. Il potere di conquistare apparentemente il continente è diventato così allettante per gli sponsor, gli inserzionisti e i marketer dei club - per non dire così redditizio quando si calcolano le entrate della Champions League, il montepremi e la tua parte del piatto televisivo - che quelli che dicono "vincere il campionato nazionale è più importante" sono diminuiti a favore dei tifosi e dei giocatori più forti: i veri tradizionalisti.